Spedizione gratis sopra i 99.90€!

Lista dei desideri (0)

Le scottature

Quando la pelle viene danneggiata da una fonte di calore, ecco che si parla di scottatura o ustione. Spesso vengono a verificarsi in casa, mentre si stira, si cucina, ecc., provocando i classici “incidenti domestici”.

Poiché la pelle è composta da 3 strati (epidermide, derma e sottocute), le ustioni vengono classificate in:

• Ustione superficiale o di I grado, quando riguarda il primo strato di pelle;

• Ustione a spessore parziale o di II grado, quando sono danneggiati gli strati sottostanti;

• Ustione a tutto spessore o di III grado, quando il danno si estende ai tessuti più profondi.

Le ustioni possono essere termiche, chimiche, elettriche o da radiazione, causate dunque da fuoco, corrente elettrica, liquidi, vapori o oggetti caldi, prodotti chimici, radiazioni a raggi x, luce solare o ultravioletta.

Le scottature sfociano in bruciori più o meno forti della pelle, arrossamento, gonfiore, formazione di bolle e difficoltà nel muovere la zona interessata.

Nei casi in cui l’incidente viene provocato da sostanze chimiche o si estende particolarmente causando forti bruciori e dolori, bisogna correre al pronto soccorso o chiamare il 118.

Negli altri casi, quando la scottatura è lieve e si verifica in una piccola parte della pelle, si può intervenire provando a lenire il bruciore attraverso semplici rimedi. Innanzitutto, quando ci si scotta la primissima cosa da fare è immergere la parte sotto l’acqua fredda, che donerà sollievo e freschezza.

Esistono molte sostanze e prodotti naturali che con le loro proprietà emollienti sono in grado di attenuare i sintomi da ustione, e che tutti abbiamo in casa. Tra i più comuni ed efficaci troviamo la patata, l’aloe vera, il miele, l’aceto, l’olio di oliva o di lavanda e anche la cipolla o la buccia di banana, tutte da applicare o riporre sulla scottatura per qualche minuto, avvolgendo anche una garza intorno.

Pomate e altri farmaci da banco sono buoni alleati capaci di far rimarginare più velocemente la ferita, diminuendo la possibilità della formazione delle cicatrici e alleviando il fastidioso dolore specialmente delle prime ore.