Spedizione gratis sopra i 99.90€!

Lista dei desideri (0)

La carenza di ferro

La carenza di ferro, o sideropenia, è una condizione che si viene collegata direttamente all’anemia. Il ferro infatti è il minerale indispensabile per la formazione e l’attività dell’emoglobina. Una dieta sana e varia secondo il modello della dieta mediterranea è in grado di assicurare all’organismo la quantità di ferro necessaria. Gli alimenti di origine animale sono una fonte di ferro emico, molecola presente nei globuli rossi che trasporta l’ossigeno nel sangue. Infatti il ferro è una delle componenti principali del sangue e, quando i livelli si abbassano, si riduce anche la quantità dei globuli rossi prodotti dal midollo osseo e, pertanto, si rischia di andare incontro ad anemia, definita in questo caso sideropenia.

Tra le cause più comuni della carenza di ferro ci sono un ridotto apporto con la dieta, dovuta a un insufficiente assorbimento intestinale per alterazioni della mucosa gastrointestinale o abuso di lassativi; perdita di sangue anche per emorroidi o flusso mestruale abbondante; gravidanza e allattamento. I sintomi più evidenti del deficit di ferro sono debolezza e sonnolenza; eccessivo affaticamento durante le comuni attività quotidiane; fiato corto e irregolarità cardiaca; sensibilità al freddo e alle classiche infezioni respiratorie come il comune raffreddore; difficoltà di concentrazione, irritabilità, insonnia, dimagrimento, inappetenza, respiro accelerato, pallore, ulcere sulla lingua, mal di testa, riduzione della soglia del dolore, caduta dei capelli.

Un’alimentazione contenente carne bovina come il fegato, e in particolar modo quello di manzo, è una fonte eccellente di ferro; inoltre uova, carne rossa e bianca, frutti di mare tra cui ostriche, cozze e vongole, ma anche polpi e seppie, verdure a foglia verde, rucola e legumi, vitamina C, limone, cereali e frutta secca, pistacchi e mandorle, sono tra gli alimenti maggiormente ricchi di fibre e ferro.

Se la dieta non fosse sufficiente, allora è bene sopperire alla mancanza di ferro con un’integrazione farmacologica. Il medico consiglierà dei rimedi come ad esempio quello di migliorare la vostra alimentazione, e se necessario di assumere un integratore per riportare i valori ai livelli normali.